top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Cagliari-Napoli, una sfida alla tensione: i sardi devono sfruttare gli errori dei campani, il cui ds Micheli studierà Luvumbo

#SERIEA CAGLIARI-NAPOLI

Match di reazione per le duellanti: i sardi devono ripartire dagli errori dei campani, il caposcout dei campioni d'Italia sulle tracce dell'attaccante cagliaritano


📍CAGLIARI

Di Gianluca Scanu



Due compagini in piena crisi, quelle che si affronteranno alla Unipol Domus: un Cagliari che non vince più dal 14 gennaio, dalla vittoria in rimonta per 2-1 con il Bologna, e un Napoli reduce dell'ennesimo esonero stagionale, quello di Mazzarri per Calzona. Una sfida in cui giocherà ruolo chiave la concentrazione, l'attenzione, e il morale delle duellanti. Maggiore quello dei sardi, con Ranieri che è stato vicino all'addio in settimana, ma alla fine è rimasto in Sardegna per l'amore dei tifosi, ma anche per via di un indizio in difesa utile nel duello col bomber partenopeo capocannoniere in carica. Un indizio che trova conferma della tesi iniziale, quella che entrambe le duellanti dovranno sfruttare a vicenda gli errori dell'altra.


Una Mina nei sardi. Il difensore cagliaritano è il disinnesto chiave per Osimhen e compagni. Un difensore centrale di fisico longilineo, molto abile nel gioco aereo, ma anche negli anticipi difensivi. Una sorta di colpo, importante, per i rossoblù in questo mercato invernale, passato da portiere (ruolo di famiglia, ricoperto da padre e zio) a difensore centrale e dotato anche di buon fiuto del gol. Un rinforzo per una difesa che ha spesso fatto acqua in questa stagione, e che ora vuol ripartire dal non subìre gol per tentare la scalata alla salvezza.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page