top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Cagliari, promossa la mozione per il nuovo stadio: sarà intitolato a Gigi Riva

Truzzu approva l'intitolazione dello stadio a Rombo di Tuono: con 29 voti su 29, la città ricompenserà il bomber dello scudetto 1970


CAGLIARI

Di Gianluca Scanu



Davanti al nome di Gigi Riva una città come Cagliari non può restare indifferente. La proposta del sindaco Paolo Truzzu d'intitolare lo stadio all'attaccante che con le sue reti portò lo scudetto in Sardegna, è stata accolta da tutta l'assemblea votante del Consiglio Comunale: l'attuale Unipol Domus, dalla prossima stagione, si chiamerà Stadio Gigi Riva. E' un qualcosa d'inconsueto dedicare lo stadio a una persona ancora viva, ma il sindaco Truzzu ha dichiarato che l'idea d'intitolare lo stadio a "Rombo di Tuono" è stata formulata al fine che egli lo veda, che ivi si senta a casa, che sia un simbolo vivente per una città che si sta riprendendo dopo anni di inferno/purgatorio.


Seconda casa. Nella serata cruciale per l'emissione del verdetto, il primo cittadino, ha motivato le ragioni prima della votazione, partendo da quando il bomber è giunto in Sardegna: "Una scelta densa di significato, fatta da chi non era nato in questa città, ma che ha scelto Cagliari come la sua casa. Non era la più facile e nemmeno la più conveniente. Era arrivato con un po’ di dispiacere, quando l’isola era sinonimo di arretratezza. Lui ha avuto la fortuna di trovare una famiglia, dopo un’infanzia complicata".

 

Leggenda indiscussa. Qui Gigi Riva il 12 aprile 1960, alla conquista del primo (e finora unico) scudetto col Cagliari (archivio Il Giornale)

 

Meriti ed emozioni. Quindi, l'attenzione si sposta sul suo più grande merito: lo scudetto del 1970: "Il valore sociale e politico di questo evento lo possiamo capire dai racconti di chi lo ha vissuto: ogni volta che parlo con un testimone, vedo che cambia atteggiamento, vedo un viso che si illumina, occhi che parlano da soli e ci raccontano l’emozione e la passione." E come l'avrà presa il campione diretto interessato? "Gigi era emozionato. Dopo aver fatto i debiti scongiuri ha fatto un ragionamento che non mi sarei aspettato ma che mi ha fatto piacere: mi ha detto di essere contento di saperlo prima di morire, per poter vivere questo momento e che per lui sarebbe ancora più bello poterlo vedere. E questo è il più bel regalo che possiamo fargli".


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page