top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Colpo di Pardo, e il Cagliari vola! Palermo domato all'ultimo secondo, sardi ai sedicesimi

ISOLE ALL'ULTIMO GOL

Partita bloccata sullo 0-0 fino al 100', quando con un imperioso stacco da corner Dossena sigilla il gol del vantaggio. Quando i sardi paiono avere la vittoria in tasca, Soleri replica e riporta la parità, ma 2' Di Pardo intercetta in scivolata un cross di Luvumbo e proietta i sardi ai sedicesimi






CAGLIARI 2

PALERMO 1

Ai tempi regolamentari: 0-0
Gol: 10' pts Dossena (CAG), 15' sts Soleri (PAL), 15+2' sts Di Pardo (CAG)
 

CAGLIARI (4-4-2): Radunovic; Zappa (dal 13' sts Goldaniga), Obert, Augello; Nandez (dal 13' st Deiola), Makombou (dal 40' st Viola), Sulemana, Azzi (dal 13' st Luvumbo); Pavoletti (dal 40' st Shomurodov), Oristanio (dal 40' st Di Pardo).

PANCHINA: Scuffet, Aresti, Altare, Jankto, Lella, Capradossi, Koufalidis

CT: Claudio Ranieri

CAMBI DI SISTEMA: dal 1' st 3-4-2-1, dal 30' st 3-5-2

AMMONITI: Dossena per fallo, Oristanio per fallo

ESPULSI: nessuno

 

PALERMO (4-3-3): Pigliacelli; Lucioni, Ceccaroni, Marconi, Mateju; Stulac (dal 19' st Saric), Gomes (dal 2' pts Damiani), Vasic (dal 30' st Segre); Di Mariano (dal 25' st Valente), Insigne R. (dal 25' st Mancuso), Brunori (dal 13' sts Soleri)

PANCHINA: Desplanches, Nespola, Graves, Nedelcearu, Buttaro

CT: Eugenio Corini

CAMBI DI SISTEMA: dal 25' st 4-3-1-2

AMMONITI: Gomes per proteste, Vasic per fallo

ESPULSI: nessuno

 

Arbitraggio: principale Marinelli, assistenti Massara-Catallo, IV uomo Cherchi, VAR Nasca

Note: 14.917 spettatori, cielo stellato, terreno in buone condizioni; tiri 18-19, falli 16-19, calci d'angolo 8-12, offside 2-1, recupero 7' pt-5' st-3' pts-3' sts


CAGLIARI

L'ANALISI Di Gianluca Scanu



Fattore C? No, fattore D, per il Cagliari. D come Dossena e Di Pardo, i condottieri di questa qualificazione dei rossoblù.

Una vittoria e una qualificazione combattuti, con le energie gestite fino ai supplementari, là dove è cominciata la giostra di emozioni, grazie anche ai doverosi cambi che le due squadre hanno dovuto operare, di fronte ad alcuni elementi che, al primo match ufficiale della stagione, hanno disatteso le aspettative.

Tra questi non ci sono certo le due D del Cagliari, ma certamente i due attaccanti, uno per squadra: ancora in rodaggio Pavoletti, pressoché poco minaccioso, tranne sul rigore sbagliato al 27', deludente Brunori, lo scuola Juve che dovrebbe essere il bomber del Palermo.

A entrambi diamo tempo, ma nel frattempo godiamoci la raffica di emozioni offertaci nei supplementari, prima da Dossena, che pareva aver ipotecato la qualificazione col suo gol, poi dall'outsider Soleri a inizio recupero, ed infine dal guizzo definitivo, beffardo, dell'ex Di Pardo, che porta il Cagliari ai sedicesimi a scapito di un Palermo spesso chiuso e poco preciso nelle sue occasioni.


Studio e sprechi. Il primo tempo non è esaltante, nonostante gli interessanti schieramenti delle due squadre: 4-4-2 per i sardi, con la formazione tipo delle scorse annate, cui fa eccezione il junior Oristanio, 4-3-3 tipico di Corini con Brunori e Insigne punte di sfondamento accanto a Di Mariano.

Proprio l'ex Juve ci tenta al 3', ma la girata è troppo poco potente per impensierire Radunovic.

Risponde al 6' Dossena su corner del baby Oristanio, ma la nucata è troppo alta.

Tralasciando il nervosismo che colpisce Claudio Gomes al 10', Pavoletti al 21' avrebbe l'occasione di ritornare alla ribalta dopo anni di acciacchi, con un rigore per un fallo di mano di Marconi, ma la traversa, Lucioni e il palo gli impediscono questa gioia.

Il Palermo cerca di rispondere con gioco frizzante, tanto che Oristanio per fermare i rosanero deve farsi ammonire, ma Radunovic è provvidenziale sui tentativi di destro di Gomes e Vasic che animano i 7 minuti di recupero.


L'(ex) eroe. Alessandro Di Pardo, autore del golden gol dei sardi (GETTY)


Comprimari. Dopo una svirgolata di Vasic al 10' del secondo tempo, i due ct rivoluzionano le proprie formazioni: 4-3-1-2 per i rosanero, con Soleri che rileva il flop Brunori (ai supplementari), doppio cambio di schema (prima 3-4-2-1 e poi 3-5-2) per Ranieri, con spazio ai giovani Luvumbo e Di Pardo, peraltro ex Palermo. L'equilibrio regna sovrano, e se il Cagliari confeziona al quarto d'ora due conclusioni, prima su corner di Augello e poi su iniziativa di Luvumbo, il Palermo si fa pericoloso al 32', con un cross sul primo palo di Marconi per Lucioni che si fa rimontare da Augello.

5' di recupero e studio, e ai supplementari comincia la raffica di gol: 10', Pigliacelli manda in corner Viola, cross per Dossena, stacco altissimo e 1-0. Il Cagliari parrebbe prendere in mano la situazione, bersagliando i rosanero a suon di tiri, ma ci sarebbe l'infortunio di Zappa (sostituito da Goldaniga) a spegnere gli entusiasmi. Ipotesi comprovata dalla replica dell'1-0 firmata Soleri, ma se qualche rosanero s'illude di arrivare ai rigori, ci pensa l'ex a risvegliarlo: cross deviato di Luvumbo, Di Pardo tenta in scivolata, Pigliacelli non trattiene e manda in gol. 2-1 definitivo, cacciati un dirigente per squadra, Cagliari ai sedicesimi di Coppa Italia.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page