top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Coppa Davis, che sofferenza! Battuta la Svezia 2-1, Berrettini e doppio sì, Sinner cade

Doppio 6-4 per Berrettini su Ymer, Fognini e Bolelli mandano al tappeto Madaras e Goransson; Sinner cade, ma non fa sentir dolore



ITALIA 2

ARGENTINA 1

Singolo: 1-1

Doppio: 1-0

Berrettini - E. Ymer: 2-0 (6-4, 6-4)

Sinner - M. Ymer: 1-2 (4-6, 6-3, 3-6)

Fognini/Bolelli - Madaras/Goransson: 2-0 (7-6, 6-2)


BOLOGNA


Vittoria su tutti i fronti, nel girone della Coppa Davis. La nostra nazionale, dopo aver battuto Croazia e Argentina, non si pone più limiti, e liquida anche la Svezia, per passare il girone a punteggio pieno.

Non senza sofferenza: dopo la vittoria di Berrettini (terza consecutiva, unico che ha vinto tutte e tre le partite del girone), quando ci si aspettava di passare facilmente, Sinner pensa bene di cadere contro Mikael Ymer (guarda caso fratello di Elias, battuto dal romano), mettendo tutto in gioco fino al doppio. Per fortuna, a differenza della sfida con l'Argentina, Fognini e Bolelli non cadono: il resto è storia, passiamo il girone a punteggio pieno, e agli ottavi saremo il 24 novembre contro gli Stati Uniti.


Bene Berrettini

1 ora e 15' per battere Elias Ymer: inizia nel migliore dei modi l'ultima sfida del romano, o meglio con una lotta combattuta punto a punto, finchè nel momento decisivo alza i ritmi e infila un break di 3-0, vincendo il primo set. Il copione non dovrebbe cambiare nel secondo set, ma sotto i nostri occhi Ymer passa in vantaggio e s'illude. Berrettini osserva e sorpassa, e il 4-2 dell'azzurro toglie ogni speranza allo svedese. Come prima: 6-4, e il romano chiude a punteggio pieno.


Gioia infinita. L'esultanza di Bolelli e Fognini (GettyImages)


Sinner crolla

Dopo il successo di Berrettini, quindi, si sperava di chiudere la sfida a punteggio pieno. La speranza era riposta in Jannik Sinner, opposto al fratello di Elias Ymer, Mikael. Eppuure, lo svedese è capace di mettere sotto il nostro tennista, il quale fatica ad entrare in partita e imporsi sull'avversario. Se già a inizio del primo set Ymer va avanti 3-1, Sinner non può fare altro che inseguire, alternando però buone giocate ad errori grossolani. Il primo set si chiude con 3 set point per Ymer, è 6-4 finale. Il secondo parziale, quindi, si apre con la reazione dell'altoatesino, che infila subito un break e va a chiudere con un 6-3, portando il conteggio in parità. Ma Ymer non si arrende, e dopo essersi fatto annullare due match point, chiude con un perentorio 6-3, vincendo la sfida per 2-1 dopo 2 ore e 22 minuti, contro un Sinner irriconoscibile, scialbo e poco concentrato.


Il tabellino

BERRETTINI 2-E. YMER 0 Primo set: 6-4 Secondo set: 6-4 SINNER 1-M. YMER 1 Primo set: 4-6 Secondo set: 6-3 Terzo set: 3-6 FOGNINI/BOLELLI 2-GORANSSON/MARADAS 0 Primo set: 7-6 Secondo set: 6-2


Doppio decisivo

E alla fine ci pensa la coppia dei sogni: Fognini e Bolelli si prendono una bella rivincita dopo la pessima prestazione contro l'Argentina. Punto a punto, la lotta, che premia i nostri grazie anche all'apporto strabordante del pubblico di casa. Al tiebreak non sbagliamo: il primo set viene vinto per 7-6.

Nonostante i tentativi di rientro di Goransson e Maradas, i nostri non si arrendono, e scappiamo fino a chiudere al primo match point. 6-2 in 1 ora e 28', e ripetiamo l'impresa di Germania e Olanda alle Finals di Malaga.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page