top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Dinamo, ma per caso hai giocato? Stewart guida il Napoli sulle macerie dei sardi, salvezza a rischio

Aggiornamento: 24 gen 2023

Nona sconfitta in tutto il campionato per i sardi, che senza Robinson si fa travolgere dai partenopei nello scontro salvezza, non approfittandone del rovescio last-minute casalingo del Brescia per entrare alle Final Eight. Non solo: ora salvezza a rischio, domenica a Sassari arriva un grande Pesaro



GE.VI. NAPOLI 93

DINAMO SASSARI 83


Parziali: 23-25, 29-19, 25-14, 16-25

Progressivi: 23-25, 52-44, 77-58, 93-83

 

NAPOLI: Williams 16, Davis 14, Howard 10, Michineau 12, Dellosto 7, Stewart 22, Uglietti 3, Zerini 4, Young 5, Zanotti 0

Ct: Pancotto

Maggior minutaggio: Williams (30')

Maggior numero rimbalzi: Williams (10)

Magior numero assist: Young, Uglietti (4)

Falli: 19

Espulsi: nessuno

 

DINAMO SASSARI: Dowe 8, Bendzius 14, Jones 16, Kruslin 13, Stephens 6, Gentile 15, Treier 11, Diop 0, Chessa 0, Devecchi 0

Ct: Bucchi

Maggior minutaggio: Dowe, Bendzius (32')

Maggior numero assist: Dowe (5)

Maggior numero rimbalzi: Stephens (9)

Falli: 20

Espulsi: nessuno

 

Note: tiri totali 56-61, rimbalzi totali 33-24, assist 20-18


TORINO

L'ANALISI Di Gianluca Scanu


Tutti in piedi per questo grande Napoli. Tutti a testa bassa di fronte all'ennesima figuraccia stagionale di Sirbo. Doveva essere una partita da sbrigare facilmente, con un Napoli che, dai nomi, appariva inferiore ai sardi, ma ancora una volta si fa verbo il detto "tutto può succedere".

Appunto. Una passeggiata nel vuoto, questo è quello che offre la Dinamo contro un Napoli che gioca alla morte, come se dovesse vincere lo scudetto, e si prende meritatamente i 2 punti per la salvezza. Punti che alla Dinamo mancano, e visti gli altri risultati dai campi, mette a rischio la permanenza in Serie A: domenica prossima c'è la sfida impossibile contro il Pesaro. E in caso di sconfitta, riecco l'incubo zona rossa.


Confusione. Potremo trovare valanghe di colpe da imputare a questa nona sconfitta dei sardi in campionato. A cominciare, certamente, dall'assenza di Robinson, un regista, anzi, il regista della Dinamo di questa stagione. Dowe e Kruslin, per carità, sono ottimi giocatori, ma non certo a livello dell'ex Pesaro, e le conseguenze si sentono: deve fare tutto, come al solito, Bendzius, che illude con tre super canestri e porta i sardi sul +6. Quindi, ecco il solito difetto di Sirbo: la difesa si rilassa, non capendo che la partita dura 40', si perde nel panico, e la grinta di Davis e, soprattutto, di un Stewart da NBA, spinge i partenopei con un break di 10-2, sorpasso 12-10. E quando i partenopei iniziano a gioire, ci pensa Kruslin chiudere il quarto con una schiacciata e una tripla: 15-12.

La partita ai raggi X

POSIZIONE MEDIA DEI GIOCATORI

Numeri giocatori NAPOLI: 22 Williams, 15 Davis, 1 Howard, 6 Michineau, 9 Dellosto, 30 Stewart, 16 Uglietti, 0 Zerini, 3 Young, 41 Zanotti Uomo chiave: Devin Davis DINAMO: 5 Dowe, 20 Bendzius, 0 Jones, 6 Kruslin, 13 Stephens, 22 Gentile, 9 Treier, 25 Diop Uomo chiave: Eimantas Bendzius Percentuale canestri: NAPOLI 35/56, 62.5%; DINAMO 30/61, 49.2% Percentuale canestri da 3: NAPOLI 12/23, 52.2%; DINAMO 13/30, 43.3% Percentuale tiri liberi: NAPOLI 11/20, 55%; DINAMO 10/12, 83.3% Fase difensiva: NAPOLI perse 12, recuperate 4; DINAMO perse 11, recuperate 4


Scelte errate. Anche Bucchi, però, ci mette del suo: fuori Bendzius e Jones, impostazione di gioco orizzontale e piazzapulita dai Pivot; insomma, ali e playmaker. Un assist al Napoli che si scatena: Zerini, Stewart e Young giocano con la grinta di ragazzini al campetto, affamati di segnare e vincere, e ciò funziona, dato che i due piazzano un break di 16-0, portando il punteggio a 39-27 per i padroni. Bucchi perde il controllo, la Dinamo continua a giocare d'individualità, difende male, perde palloni in continuazione, in attacco spreca, finendo financo al -15. L'incubo sardo sembra svanire con le triple di Kruslin e Treier, che danno segni di vita alla Dinamo: all'intervallo è -6 per i sassaresi, ci si aspetta una ripresa di ribalta.


I prossimi impegni

NAPOLI


Trieste-NAPOLI Domenica 29 gennaio 2023, ore 18:15

NAPOLI-Scafati Domenica 5 febbraio 2023, ore 17:30

Treviso-NAPOLI Sabato 11 febbraio 2023, ore 20:30

Possibilità salvezza: 33%

DINAMO


DINAMO-Pesaro Domenica 29 gennaio 2023, ore 19:00

Trento-DINAMO Domenica 5 febbraio 2023, ore 18:30

DINAMO-Verona Domenica 12 febbraio 2023, ore 20:30

Possibilità salvezza: 19%


Muli scatenati. Ci si aspetta, appunto. Ma come già visto con le big Milano, Bologna e Venezia, anche a Napoli non accade: i partenopei viaggiano a mille, Sirbo si regge sulle "magie" di Treier, per rattoppare la debolezza al rimbalzo e la poca incisività in attacco. Con intanto il punteggio che, sempre grazie al solito Elijah, si gela a -23, per tentare almeno di arginare il distacco e rendere meno storica la figuraccia, Bucchi prova la disperata mossa di Stephens in campo. Perlomeno, con lui e Gentile il distacco si rosicchia fino all'84-71, e se Bendzius lascia rimpianti e rimorsi con una bomba in transizione (88-79), lo stesso Eimantzas condanna la sua squadra sprecando il tiro che poteva almeno riaprire il match. Davis intuisce, e con la sua terza tripla apre la porta degli inferi a Sirbo, proprio mentre Treviso ferma Brescia e tiene aperti i discorsi coppa e salvezza. Soprattutto salvezza, cosa che per Sirbo, dopo il match di ieri sera, può essere solo un miraggio.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page