top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Dinamo, ora giochi in casa: secondo Gentile gara 3 decisiva, Venezia a caccia di vendetta

DINAMO-VENEZIA, IL PUNTO

Bucchi e Gentile caricano Sirbo, Venezia è avvertita: "Ce la possiamo fare, difesa e pubblico saranno le nostre chiavi"


SASSARI

Di Gianluca Scanu



Sfatato il tabù trasferta, è il momento di concentrarsi per la partita che, nel bene o nel male, potrebbe essere definitiva per i playoff. La Dinamo ha pareggiato il conto col Venezia lunedì scorso, ed adesso scende in campo per la tanto attesa gara 3, nella grande speranza di ribaltare il totale della serie.

Due personaggi, alla vigilia, hanno parlato per caricare la squadra, ma anche i tifosi si son fatti notare nella giornata del match che decide le sorti, non tanto a riguardo della partita, quanto della realtà che il maltempo in Emilia Romagna ci sbatte in faccia da lunedì scorso.


L'iniziativa dei Commando. La generosità del gruppo ultras più famoso del Palaserradimigni è un qualcosa per cui tutti dovremmo inchinarci: i ragazzi del settore C, infatti, posizioneranno un salvadanaio di fronte al bar dell'omonima curva, presente all'ingresso, al contempo vendendo le magliette del gruppo organizzato al fine di aiutare le popolazioni emiliane colpite dal terribile alluvione.

Un gesto di un palazzetto caldo, dal cuore d'oro, a cui si aggiungerà, prima della palla a 2, un minuto di silenzio in memoria delle vittime di questa catastrofe.


Amore per l'Emilia. La coreografia dei dinamisti in occasione della classica contro il Reggio Emilia del 30 aprile (Canu L.)


Gentile alla carica. Camaleontica. E' così che il numero 22, Stefano Gentile, definisce la beneamata Dinamo. Quel che serve è unire le forze e ricordare chi si è in campo, anche al cospetto di un avversario ostico qual'è la Reyer: "Questa sfida si prepara sia psicologicamente, usando tranquillità e ricordandoci chi siamo, che tatticamente. Siamo ambiziosi e vogliamo fare bene." Sul momento, poi, si limita ad avvertire gli oro-granata: "Abbiamo dimostrato di esserci nell’ultima sfida, ricordiamoci che è una battaglia al meglio delle cinque e dobbiamo essere i primi ad arrivare a tre. Ogni gara playoff è una sfida a sé e lo dico per esperienza. Mi aspetto una gara 3 imprevedibile, noi dovremo essere concentrati e mettere la stessa energia. Poi parlerà il campo, giochiamo contro una squadra di alto livello e costruita per arrivare in fondo.".

 

FOCUS

L'ultima volta non andò bene...

La più recente serie col Venezia ai playoff, per Sirbo, risale al maggio 2021: Venezia prevalse 3 gare a 2, decisiva la gara 5 al Taliercio che vide prevalere i padroni, all'ultimo respiro, 93-91.

Quella fu anche l'ultima partita per Pozzecco (espulso) e per Spissu in maglia biancoblù

 

Le scelte di Bucchi. Il mago ct, invece, sceglie di affidarsi agli insegnamenti e di votare la gara possibilmente all'attacco. Dando ancora di più del Taliercio, e rigenerando un Bendzius poco profilico sottorete: "Venezia ci ha limitato da 3 e ha limitato Bendzius ma noi sappiamo trovare altre strade. Non è che se non segniamo da 3 dobbiamo spaventarci. Bendizus a Venezia ha fatto una partita solida e il blocco su di lui ci dà altri spazi da altre parti. Abbiamo più armi e lo abbiamo fatto vedere.". Ok, quindi, a Diop titolare dal 1' e a mettere Jones, un outsider di questo campionato, come riserva: "Tutti hanno fatto un lavoro difensivo eccellente, tutti si sono sacrificati. Anche Jones che arrivava da alcune prestazioni non brillanti e questo mi fa molto piacere. Diop ha fatto un’ottima partita ma non è la prima, anzi ne ha messe in fila tante. E questo è stato il suo miglioramento principale in questo campionato. La continuità è importante nello sport. Sta aiutando la squadra con il suo rendimento."

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page