top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

F1, in Brasile succede di tutto: Russell al primo successo, risorge la Ferrari, Verstappen crolla

Aggiornamento: 16 nov 2022

FORMULA UNO














Il giro trionfale di Russell (LaPresse)

Storica vittoria per il pilota mercedes, dopo il successo in sprint; Ferrari rinate, con Sainz che, battendo Perez (giunto 6°), si giocherà il posto di vice-campione del mondo. E Verstappen...


INTERLAGOS
Di GIANLUCA SCANU

Doppietta fantastica, quella di Russell, al GP di F1 del Brasile. In un campionato che pare non aver più nulla da chiedere, nulla da offrire a livello di trofei, qualche sorpresa degna di nota si registra ancora: la vittoria del consocio di Hamilton è una delle tante, assieme al ritorno delle Ferrari in alta classifica, in quella che è una stagione di rimpianti e rabbie per i numerosi errori, le occasioni perse, le beffe subite davanti a un pubblico che voleva il ritorno alla vittoria della Rossa; degne di nota, in questo GP, anche le rese delle Red Bull di Perez e Verstappen, che concludono rispettivamente settimo e sesto.

Con tanto dello spagnolo che, finendo dietro a Sainz (che, giungendo terzo davanti a Leclerc, ha fatto valere la situazione di "allievo più bravo del maestro), ha riaperto i giochi per la lotta al secondo posto. Una lotta che, oltre a essere allettante per l'automobilismo italiano, si deciderà solo domenica pomeriggio.


Vincendo s'impara. La prestazione nella prova Sprint aiuta Russell, il quale non delude le aspettative e vince a Interlagos, in una gara dominata e condotta da grande corridore. Del resto, per fare 71 giri con tale gestione ed eleganza ci vuole esperienza, e le nozioni acquisite nella Sprint hanno aiutato, tant'è che l'ex pluricampione Hamilton (suo collega) ha dovuto pure fargli gli applausi, giungendogli dietro.

Nè Verstappen, nè il "Re Nero" in sella alla W13 hanno impensierito il principino, che supera l'avversità della Safety Car iniziale per l'incidente Magnussen-Ricciardo con grande concentrazione e destrezza, elementi che fan sì che la vittoria sia ancor più meritata.


Standing ovation Gli applausi post-gara al pilota inglese (GettyImages)

Crisi e rinascita. A fronte della vittoria delle Mercedes, tuttavia, fan da contraltare le cadute giù dal podio di Verstappen e Perez, che a sorpresa cedono la "Zona Champions" alle due Ferrari: con Sainz che finalmente torna grande e riesce a incamerare un ottimo terzo posto, Leclerc si rende protagonista di una pazza rimonta, partendo 18° e arrivando 4°.

Peraltro, il sesto posto di Perez e la terza piazza di Sainz ha fatto sì che si riaprissero i giochi per il posto di vicecampione del mondo (se non altro), in palio e programma domenica pomeriggio ad Abu Dhabi.

Focus

La lotta al secondo posto nel mondiale 2022 Perez: 280 punti Sainz: 275 punti In caso di "vittoria" del tedesco sullo spagnolo, il primo potrebbe sottrargli la seconda piazza in classifica generale


Il resto della classifica. Alle spalle, quindi, di Perez, peraltro sfortunato dopo l'incidente con Hamilton in avvio e la penalizzazione di 5 secondi, scontata in pit-stop, si classificano Ocon, Bottas e Stroll, i quali rimontano un Vettel che, a metà GP, sembrava essere in grado di ritornare alla ribalta dopo una lunga serie anonima.


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page