top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

F1, settebello Verstappen: in Spagna il pluricampione vince sul velluto

La tattica e il sorpasso al momento decisivo premiano l'olandese, Norris rimpianto ma buona reazione. Ferrari, altra scialba gara: nel finale lite Leclerc-Sainz

BARCELLONA

a cura di Gianluca Scanu



Tre vittorie consecutive, quattro in stagione. Un settebello vero e proprio per Verstappen, che trionfa nel circuito di Barcellona nonostante le premesse che la pole di ieri avevano lasciato ad intendere. Il pilota olandese, tre volte campione del mondo in carica, ha vinto grazie a sorpassi che altri, a sua differenza, non riescono a compiere al momento giusto. La vittoria di Max, infatti, ancora una volta la sua è merito delle abilità di lettura della gara e, di conseguenza, la capacità d'infilare gli avversari al punto giusto. Norris ha avuto dalla sua la partenza in pole, ma gli è mancata la mentalità vincente al 100% per portare a casa una vittoria che sarebbe stata meritata, positiva per i loro range è stata la gara di Hamilton e Russell, davanti a delle Ferrari che, andando incontro a equivoci in partenza, hanno bruciato la possibilità del podio.


Max infila al momento giusto. Già bruciatosi la pole, l'olandese perde la seconda posizione in partenza, non per colpa del poleman, bensì di George Russell. In un certo senso il fuoriclasse della Red Bull ha merito di saper sfruttare al meglio la tattica di passare al via sia Norris che Russell. La manovra decisiva è un sorpasso all’esterno complicatissimo: da lì l'olandese riprende la testa della gara, mantenuta fino alla bandiera a scacchi finale grazie alla sua gestione impeccabile dei pit stop ha contribuito alla vittoria finale.

 

▶️Replay

IL MOMENTO DECISIVO

Siamo al 3° giro della fara: Russell supera in partenza l'olandese, esso si vendica con un sorpasso esemplare. Una mossa vincente, che gli permetterà di vincere il GP di Spagna

 

Norris, peccato. Di contro Norris, partito dalla pole position, dà il massimo ma deve alla fine mangiarsi le mani, soprattutto se consideriamo che arriva dietro per soli 2"2 dal rivale Verstappen. Due momenti cruciali hanno segnato la sua gara: lo start e la fase di sorpasso di Verstappen dopo pochi giri. E' anche a causa di questi errori che Verstappen riesce a gestire il margine in modo impeccabile, il poleman avrà comunque quest'esperienza in cassaforte, che gli servirà di lezione nelle prossime gare.

 

📝In agenda

Scintille in casa Ferrari: Leclerc e Sainz litigano, la motivazione sarebbe la "lotta" tra i due piloti, con lo spagnolo che rinfaccia al polacco il fatto di non potergli stare dietro

 

Reazione McLaren, Ferrari non ci siamo. La McLaren, peraltro, ha dalla sua il fatto di aver mostrato una grande reazione, allungando lo stint di gara centrale per avere gomme più fresche alla seconda sosta e a fine gara. Max Verstappen, invece, gestisce con maestria la fase di mezzo e gli ultimi 20 giri con le gomme soft. Altro weekend anonimo e deludente per le Ferrari: Charles Leclerc giunge in quinta posizione, mentre Carlos Sainz arriva sesto dopo i pit stop. Il suo sorpasso poco gradito - come mostrato dalla lite tra i due piloti dopo l'arrivo - a inizio gara ha segnato la sua prestazione. A giungere sotto da Piastri e Gasly (McLaren), Perez (Red Bull) e Ocon (Alpine).

7 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page