top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Fiorentina specialista della Coppa Italia: l'outsider Bologna si arrende ai rigori, Zirkzee si divora l'impossibile

COPPA ITALIA DERBY DELL'APPENNINO

La rivelazione Bologna gioca bene al Franchi, di fronte a una Fiorentina poco incisiva nel primo tempo, ma spreca troppo e trova un Christensen formato super; ai rigori decisivi, Posch e Maxime Lopez regalano la qualificazione ai viola




FIORENTINA 5

BOLOGNA 4

(punteggio dopo i calci di rigore)

Primo tempo: 0-0

Secondo tempo: 0-0

Tempi supplementari: 0-0

Gol: ai rigori Ferguson (BOL) gol, Mandragora (FIO) gol, Zirkzee (BOL) gol, Arthur (FIO) gol, Orsolini (BOL) gol, Milenkovic (FIO) gol, Calafiori (BOL) gol, Mina (FIO) gol, Posch (BOL) fuori, Lopez Mxm (FIO) gol

 

FIORENTINA (3-4-1-2): Christensen; Milenkovic, Quarta (5' sts Mina), Ranieri; Kayode, Lopez Mxm, Duncan (27' st Mandragora), Biraghi (27' st Parisi); Barak (15' st Bonaventura); Ikone (15' st Nzola), Beltran (32' st Arthur).

PANCHINA: Terracciano, Infantino, Martinelli, Comuzzo, Pierozzi, Amatucci, Brekalo

CT: Vincenzo Italiano

AMMONITI: Bonaventura per condotta scorretta

ESPULSI: nessuno

CAMBI DI SISTEMA: dal 16' st 3-4-3

 

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Posch, Beukema, Lucumi (42' st Calafiori), Kristiansen; Freuler, Aebischer (42' st Moro); Orsolini, Ferguson, Saelemaekers; Zirkzee.

PANCHINA: Corazza T., Lykogiannis, Bagnolini, De Silvestri, Ravaglia, Vah Hooijdonk, Fabbian, Urbànski

CT: Thiago Motta

AMMONITI: Saelemaekers per fallo, Ferguson per condotta scorretta

ESPULSI: nesusno

CAMBI DI SISTEMA: dal 23' st 4-4-2, dal 45' st 3-5-1-1

 

Arbitraggio: principale Marchetti, assistenti Di Iorio-Lo Cicero, IV uomo Feliciani, VAR Serra, AVAR Di Paolo

Note: spettatori 25.079, incasso pari 267.724 €; cielo nuvoloso, terreno in discrete condizioni; tiri 14-12, falli 5-5, offside 13-16, corner 10-4, recupero 3' pt-5' st-1' pts-1' sts


📍FIRENZE

L'ANALISI Di Gianluca Scanu



Dal cosiddetto e nobile derby dell'Appennino emergono due considerazioni da fare, su tutte quelle che si portebbero fare. Primo: la Fiorentina di Italiano sta diventando specialista nell'affrontare la coppa nazionale, essendo tornata ai livelli degli anni 90-inizio 2000, e il Bologna lo ha imparato a caro prezzo. Secondo: chi è stato eliminato dal Bologna stesso, ovvero l'Inter due volte di fila campione, ha di che mangiarsi le mani. Questo Bologna creduto un outsider si affloscia, e forse batterlo non è stato così difficile con un po' più di accortezza in difesa. Quella che ha messo la Fiorentina davanti a Zirkzee e compagni, portando la sfida ai rigori. Del resto, la tattica di Italiano è il cinismo, il crederci fino all'ultimo, fatale (o meno) respiro, e così è stato. Ai felsinei resta l'onore di aver eliminato le loro prede preferite (l'Inter) e di aver provato ad agguantare delle semifinali che, per loro, sarebbero state storiche.


Gestione dei viola. Italiano, reduce della rabbia cumulata a Reggio Emilia decide di dare una scossa al suo 11, cambiando per l'ennesima volta lo schema di partenza: difesa a 3 che vede il giovane Ranieri sul settore destro, Kayode e Biraghi ali supportati dall'ex Sassuolo (ma guarda) Maxime Lopez e Duncan, con l'attacco sotto forma di triangolo, con la coppia d'attacco Beltran-Ikoné davanti a Barak. Motta invece continua il suo progetto di outsider, confermando Orsolini, Ferguson e Saelemaekers a sostegno di Zirkzee. Difesa a 4 con Posch e Kristiansen ai lati accanto a Beukema e Lucumì, mentre a innescare la forca d'attacco c'è il duo Freuler-Aebischer.

Il primo tempo vive sulla fase dello studio, almeno finché Kayode prova a mettersi in mostra e spaventa Skorupski. Più o meno, ma quanto basta per far capire come la Fiorentina giochi di possesso palla con schema catenaccio.

Lo fa rendendo il primo tempo avaro di emozioni, che nemmeno il Bologna riesce a dare nel suo gioco di contropiede. L'unica occasione che tirano fuori gli uomini di Motta è al 34', quando il solito Zirkzee si fa strada in area e spara un potentissimo sinistro, cadendo all'indietro e sfiorando la traversa. A parte queste due occasioni, per i brividi bisogna aspettare al secondo tempo.

Flop. Ikoné, delusione del match (LaPresse)


Felsinei propositivi. Thiago Motta va ora all'attacco, alzando i giri e premendo sulla fascia destra. Quella fascia che per la Fiorentina è un tallone d'Achille, e su cui la forca d'attacco felsinea fa vivere momenti da thriller ai padroni di casa. Già dopo 1' Orsolini si procura una bella occasione, con un destro a giro che però non va oltre il palo. La Fiorentina va in affanno, Barak e Ikoné non la tengono alta come dovrebbero, e al 21' Italiano opta per sostituirli con Bonaventura e Nzola. E' però il Bologna a rendersi ancora pericoloso, con Ferguson che sfiora il gol se non fosse che Christensen ha riflessi pronti per chiudere il suo palo. La partita si accende inevitabilmente, ma si rende anche ricca di errori da entrambi i lati. L'ultima speranza di evitare i supplementari la dà Quarta, con un'incornata che per molti sarebbe imparabile, non per Skorupski, che leva letteralmente il pallone dalla porta.

Decisivo. Maxime Lopez mentre calcia il rigore decisivo (LaPresse)


Fino all'ultimo (rigore). Il Bologna continua a crederci anche nei supplementari, con Zirkzee ottimo trascinatore, che però Christensen devia ulk terzo palo della serata. La Fiorentina reagisce con il suo, di trascinatore, ovvero Quarta, il cui sinistro ravvicinato allena solo Skorupski. Non fa meglio Kayode al 1' del secondo tempo, quando su invitante cross di Mandragora colpisce malissimo di testa, divorandosi l'occasione di rimediare ai flop collezionati in serata. Mai quanto Orsolini, che a tu per tu con Christensen sbaglia il golden gol, lisciando il controllo e venendo chiuso dal portiere viola. Ha di che disperarsi, Orso, al 7' del secondo tempo supplementare, poiché ai rigori la Fiorentina è implacabile, mentre Posch no, in quanto la tensione lo coglie e manda abbondantemente a largo, regalando la terza semifinale di fila ai padroni di casa.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page