top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Guardiamo un po'... la nuova Torres coi neoacquisti: come lo schema potrebbe mutare

L'ANALISI TECNICA

Dalla partita col Como alla tripletta di acquisti in 2 giorni: ecco come potrebbe presentarsi la nuova Torres allo start del campionato 2023-2024

SASSARI

Di Gianluca Scanu



Tanti passi in avanti, per i rossoblù. Dal mercato, reduce di una raffica di acquisti di livello, alle nuove qualità tecniche presentate in occasione della partita amichevole contro il Como, Greco e compagni mostrano carica e ottimismo per la Serie C imminente.

I rossoblù, se spendono e spandono, in questo momento, è perché hanno le idee ben chiare: verticalizzazioni, gioco frizzante, inserimenti puntuali, chiusure difensive, tutto affinché, anche in una sconfitta (come quella contro i lariani di Cutrone e Cerri, ndr), faccia applaudire la squadra e non storcere il naso, come più volte capitato l'anno scorso.

Ma come dice il mister, ad aspetti che andrebbero bene, ce ne sono altri in cui bisognerebbe lavorare. Vediamoli qui.


Gruppo. Quel che balza all'occhio da domenica scorsa, e che si è atteso dal triplice fischio contro la Fermana (nonché lo start del calciomercato estivo 2023) è l'abolizione definitiva di quelle che sono le individualità. Basta con i tentativi egoisti, basta coi passaggi orizzontali tipici del corto muso di Allegri.

Ecco a voi apporto, sia in fase difensiva che in quella offensiva, da parte degli esterni.

Su tutti, chi ha convinto e compattato il centrocampo, è stato il neoacquisto Zecca, con tanta corsa e sacrificio, nonché capacità di leggere le azioni, insomma instancabile.

Anche in attacco, però, c'è chi è riuscito a unire le forze. Oltre a Diakite e al debuttante Menabò, figura a Bormio anche un Pelamatti, seppur terzino destro, ma capace di creare occasioni per i bomber, nonché un Ruocco che dopo un pessimo primo tempo si era risvegliato creando dualismo con Liviero, o un Giorico che ha ben convinto puntando molto su guizzi e strappi decisi.

 

Focus

LO SCHEMA TITOLARE, AD OGGI, IDEALE DI GRECO

A disposizione: Zaccagno, 12. Carboni, 23. Antonelli, Idda, 44. Carminati, 7. Liviero, Mandrelli, Giorico, 72. Gianola, 6. Lombardo, 27. Lora, 10. Ruocco, 24. Sanat, Menabò, 9. Scotto

Legenda:

ROSSO Presenti nella stagione 2022-2023

AZZURRO Neoacquisti

Cerchio vuoto Giocatore che, ad oggi, non ha ancora scelto ufficialmente il numero di maglia

 

Difesa in rodaggio. Se Ruocco ha perlomeno avuto modo di redimersi, facendo un ottimo primo tempo, lo schema difensivo va ancora rivisitato. Abbandonato il classico 4-3-1-2, Greco ha infatti puntato su un terzetto di retroguardia, composto dai confermati Fabriani, Dametto e Riccardo Pinna.

Essi, col Como, hanno dato tanti segnali di pochezza, ma anche che in quel reparto qualcosa ancora non va. Nel match col Como, infatti, soprattutto nel secondo tempo, i tre nazionali hanno commesso parecchie confusioni, tipiche del disadattamento allo schema nuovo operato dal ct e già dovute trangugiare le scorse stagioni.

Le stesse che, seppur stavolta poco pericolose, potrebbero costare caro in un campionato ultracompetitivo com'è la Serie C (è già accaduto l'anno scorso diverse volte, non lo dico a caso, ndr) e che, se si vuol puntare a piani più alti, convien migliorare il prima possibile.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page