top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Juventus, senti Rabiot: "Thiago Motta grande allenatore, ma il mio futuro non dipende da questo"

#SERIEATIM PARLA... RABIOT

Motta non cambia il suo futuro: il tutto si deciderà dopo Euro2024, ma l'argentino lo ispira

Dalla redazione

a cura di Gianluca Scanu



Dalla Juventus alla Nazionale Francese l'obiettivo di Rabiot non cambia: vincere. Il centrocampista, fresco del ritorno alla vittoria con la sua Juventus, il regista bianconero è ora incentrato sugli Europei con la sua Francia, e ora che ha riportato un trofeo ai bianconeri dopo 3 anni (per giunta riprendendo da dove ci eravamo lasciati, la Coppa Italia), l'obiettivo è quello di riportare a casa l'Europeo dopo 8 anni. Il pensiero alla sua Vecchia Signora c'è, nello specifico sul tema Thiago Motta, suo nuovo ct. Un ct che stima, ma che solo il tempo deciderà se il transalpino resterà alla Juventus.-


 

“È un grande allenatore, ha fatto molto bene in Italia da quando è lì. Abbiamo giocato diverse stagioni insieme, ma questo non sarà determinante nella mia scelta: lui ha la sua carriera da portare avanti e io la mia. In ogni caso, è un’ottima scelta per la Juventus”.

 

Occhio al futuro. Ovvio che la testa è rivolta totalmente a EURO2024, ma un pensiero al suo futuro Adrien lo fa. E per capirci qualcosa: “Sto parlando con il mio agente, ma per ora l’argomento l’ho messo da parte”. Il centrocampista ha sottolineato l’importanza del suo periodo alla Juventus, dove ha avuto l’opportunità di mettersi in mostra anche in Italia (e che mostra, uno scudetto, due Coppa Italia e una Supercoppa Italiana).

 

Identikit

ADRIEN RABIOT

29 anni (Saint-Maurice, 3 aprile 1995-)

Ruolo: centrocampista

Altezza 1,88 m | Peso: 86 kg


Cresciuto calcisticicamente nelle squadre locali, negli anni 2010 lega la sua carriera al PSG, dove dapprima milita nelle giovanili per 2 anni, fino al 2012, quindi passa in prima squadra nella stagione 2012-2013, dove totalizza 6 presenze, tutte in campionato. Dopo una parentesi al Tolosa nella seconda parte di stagione, nel 2013 torna al PSG: in 6 anni vince 6 campionati francesi, 2 supercoppe, 5 coppe di Lega e 4 coppe di Francia. Nella stagione 2019-2020 approda alla Juventus, sotto la guida di Maurizio Sarri, dove vince subito lo scudetto, il 34° della società bianconera, quindi nel 2021 la Supercoppa Italiana e la Coppa Italia, sotto la guida di Pirlo. Dopo 3 anni a secco di trofei, seppur con ottime prestazioni con Allegri in panchina, vince la Coppa Italia 2023-2024.

 

Solidarietà a Mbappé. Grande solidarietà verso il connazionale Kylian Mbappé, che ha subito un infortunio al naso. Paragonando la situazione all’infortunio del compagno di squadra Szczesny, Rabiot ha commentato: “Non so esattamente se è lo stesso di Kylian. È stato operato e uno o due giorni dopo era disponibile per la partita successiva. Hanno corso dei rischi? Questa è un’altra domanda, ma lì successe tutto rapidamente. Ecco perché quando mi è stato detto che Kylian si era rotto il naso, nella mia testa non era così grave, perché avevo capito che poteva essere disponibile abbastanza rapidamente”.

 

Vedi anche

Il mercato Juventus è in stand-by: Chiesa possibile sacrificio, dipende tutto da lui (in aggiornamento)

 

Elezioni francesi. Infine, come Mbappé, anche il regista juventino ha scherzato riguardo alle prossime elezioni amministrative francesi, un argomento caldo nel ritiro dei Bleus. Ha dichiarato: “C’è in gioco anche il futuro della Francia, è un tema molto importante, anche scottante. Ognuno è libero di pensare quello che vuole e di dire la sua. Ciò che vogliamo dire alla gente è di andare a votare, non di dare agli altri l’opportunità di scegliere per se stessi. Non darò il mio voto, ma siamo in una democrazia e dobbiamo accettarlo. All’interno del gruppo non dobbiamo farci influenzare da questo argomento, abbiamo una competizione da gestire. Se potessimo metterla un po’ da parte, sarebbe positivo”

6 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page