top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

La giornata sulla neve: Bassino terza nel SuperG di Cortina, De Fabiano-Pellegrino sprint a Livigno

Marta terza dietro alla Hutter e alla Mowickel nel SuperG di Cortina, De Fabiani e Pellegrino secondi dietro alla Francia a Livigno, domenica amara per Sala



Dalla redazione

Di Gianluca Scanu



Una domenica a due facce per lo sci italiano. Quella amara, della Goggia che a causa di dolori al ginocchio ha dovuto rinunciare alla tappa veneta di questa domenica, e quella felice delle prestazioni dei nostri sciatori. Seppur nessuno abbia vinto, due podi li abbiamo conquistati, grazie alla Bassino e alla coppia De Fabiani-Pellegrino nella team sprint. Solo rabbia per Sala, cui fa da contraltare l'ottima prestazione della coppia Graz-Mocellini. E infine, una buona notizia: le prossime due tappe del SuperG resteranno in Italia, più precisamente a Cortina, mentre per lo sci di fondo si ri-scende in pista tra venerdì e domenica in Francia, a Les Rousses.


Riscatto sprint. Vabbè, nella team sprint abbiamo perso in casa. Contro la Francia. Ma la grande gara di Pellegrino e de Fabiani vale anche più di una vittoria, per la tenacia messa in questa gara: solo per 44 centesimi di secondo i nostri non hanno battuto Jay e Jouve. Un argento con discreto distacco sugli svedesi Riebli e Grond, a anche un quinto posto da parte di Graz e Moncellini con una prestazione di altissimo livello. Il secondo posto di Pellegrino, peraltro, è un riscatto dopo la beffa del settimo posto nella sprint: il feeling con de Fabiani ha funzionato, domenica positiva anzichenò. Nona posizione, invece, per la sezione femminile, con 21" da Svahn-Dahlqvist accumulato dalla Ganz e dalla Monsorno, peggio Sanfilippo-Pittin, 12ime con 25" di ritardo.


Rabbia slalom. Spostandoci in Germania, a Kitzbuhel è trionfo per uno svizzero: Daniel Yule. Si, perché a distanza di tre anni il transalpino vince di nuovo lo Slalom di Coppa del Mondo maschile di sci in Austria, con un tempo di 1'44"63, conquistando la seconda vittoria stagionale in Coppa del Mondo dopo quella di Madonna di Campiglio, che lo porta a quota 334 punti, sia in classifica generale che in quella di specialità. Ryding secondo con 40 centesimi di ritardo, terzo Braathen con +0"41. Male, qua, invece, per i nostri sciatori Sala e Gross, quest'ultimo col pollice fratturato. Tredicesimo il primo, 26° il secondo, peggio di lui solo Maurberger che, mal-impostando la corsa, finisce ultimissimo.


Rattoppo Bassino. E' il super gigante, quindi, a regalarci un altro podio: nella specialità che vede assente Sofia Goggia, che aveva annunciato la sua assenza per fastidio al ginocchio destro, è un bronzo vinto dalla Bassino a risollevare i fan dello sci femminile, dietro alla Hutter (+0"30 dalla prima) e alla Mowinckel (1'23"22). E' il terzo podio per lo sci femminile, dopo quello conquistato venerdì dallastessa Goggia e sabato da Elena Curtoni, in una gara testa a testa che ha visto una pazza rimonta da parte della Monwickel, e le prime tre di partenza (Miradoli, Behrami e Brignone) crollare in graduatoria e vedersi costrette a mangiarsi polvere e briciole. Per la Bassino è una magra consolazione, dato che in classifica generale sono la Brignone e la Curtoni, rispettivamente con 233 e 230 punti, a tallonare la Monwickel e la Behrami sul podio.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page