top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

La Sardegna della Serie D è tutta un derby! La Cos beffa l'Uri al Martinez, il Latte Dolce finalmente torna a vincere in casa

#DALLANOSTRATERRA #CHECKPOINT

In Sardegna regna la parola derby: i latticini inguaiano il Budoni e si lanciano verso la salvezza, l'Atletico Uri va incontro a un harakiri contro la Cos vice-capolista, mettendo a rischio la zona sicurezza.

Capitan gol. Luca Piassi, capitano del Latte Dolce nell'azione che ha portato al definitivo 1-0 (centotrentuno)


📍Dalla redazione

Di Piergiuseppe Fiori



L'Epifania si porta via tutte le feste, e regala agli appassionati di calcio una domenica bestiale. Soprattutto al girone sardo della Serie D-Girone G. Due derby, con una vittoria in trasferta e una in casa, per giunta delle blasonate. Una di queste avviene a Uri, e va in scena sotto forma di suicidio in rimonta dei giallorossi, perché questo è quel che fanno i montanari del Coros. L'altra a Sassari, con il Latte Dolce che torna a vincere in casa contro un Budoni sempre più nei guai per quanto riguarda la classifica. Un fast gol, e i latticini liquidano i galluresi, che ora dovranno lanciarsi per attentare alla zona salvezza. Vediamo allora nel dettaglio quel che è successo


Latte Dolce, piassi un gol? Si preannunciava ricca di emozioni, la partita dei celestini, contro un Budoni che cerca punti importanti per risalire dopo 8 turni d'inferno e dimenticare i problemi autunnali. Per la verità, anche i ragazzi di mister Giorico hanno di che accantonare un autunno altalenante, la differenza? Che a loro l'intento riesce. E non bisogna aspettare molto: 4', basta uno sguardo da tigre, a Grassi, per rubare palla ai galluresi, in maniera che l'italo-brasiliano si presenti di fronte a Marano e butti dentro l'1-0. Il Budoni come già successo nelle precedenti 8 partite si dissolve, non entra in partita e commette papere grossolane, concedendo di tutto e di più al Latte Dolce. Agli errori subentra il nervosismo, degno dei ritmi bassi, che vede Salaris beccarsi un giallo tattico. Qua l'unica occasione per il Budoni: 22', Barboza su punizione scavalca la barriera ma trova un super Carboni che manda in corner. Da lì i galluresi si arrendono, rimediando solo cartellini, uno rosso (per il vice ct del Budoni Castricato) e uno giallo. Il Latte Dolce comincia bene l'anno, scappando dalla concorrente Trastevere e anche da un Budoni che oggi, la salvezza, la vede col cannocchiale.


Ride bene chi ride ultimo. I giocatori dell'Atletico Uri abbracciano Jah dopo il gol dell'1-0, prima del rollercoaster che regalerà la vittoria agli ogliastrini (GETTY)


Suicidio Uri. Differenza abissale tra le duellanti? No, assolutamente. Perché guardando il match del Ninetto Martinez l'Uri, nel complesso, ha giocato alla pari del COS Sarrabus. Purtroppo, però, il mancato occhio di falco nel momento decisivo ha punito i giallorossi, sbattendoli ora nell'arena della bagarre salvezza. Un match alla 5 maggio, per i montanari del Coros, che sono andati due volte avanti, due volte son stati raggiunti, per poi subire la beffa finale. Vantaggio di Jah al 19' con una prodezza sottoporta, il pareggio al 23' su rigore concesso un po' ingenuamente a Ladu, poi al 15' del secondo tempo l'Uri di nuovo avanti con un eurogol di De Marcus. Qua però l'Uri gestisce male il pallone, è preda della tensione, e regala il proscenio a Gallo, il quale dapprima accorcia su svarione della difesa (34'), poi all'ultimo respiro condanna i padroni di casa con un doppio passo e gol. Gol che vale i 3 punti e la beffa a una squadra che, adesso, non dovrà più sbagliare, soprattutto nel controllo del pallone.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page