top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Ma quanto è bello andare in Giroud col Milan: travolto il Torino, la decidono gli ex Chelsea e Theo

LA NUOVA CAPOLISTA

Pulisic ancora in gol, Schuurs illude, poi due rigori di Giroud e Theo Hernandez spingono i rossoneri. Partita dominata dal Milan nella ripresa, Torino senza vittorie dopo 2 turni


L'esultanza di Giroud dopo il 4-1 (LaPresse)




MILAN 4

TORINO 1

Primo tempo: 3-1
Gol: 32' pt Pulisic (MIL), 36' st Schuurs (TOR), 43' pt Giroud (MIL(rig)), 45+3' Hernandez T. (MIL); 19' st Giroud (MIL(rig))
 

MILAN (4-3-3): Maignan; Calabria (dal 33' st Kjaer), Tomori, Hernandez T. (dal 41' st Florenzi); Loftus-Cheek (dal 20' st Musah), Krunic, Rejinders; Pulisic, Giroud (dal 20' st Chuckweze), Leao (dal 20' st Okafor)

PANCHINA: Sportiello, Mirante, Adli, Romero, Kalulu, Colombo, Pellegrino, Pobega

CT: Stefano Pioli

CAMBI DI SISTEMA: nessuno

AMMONITI: Hernandez T. per fallo, Thiaw per fallo

ESPULSI: nessuno

 

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Schuurs, Buongiorno, Rodriguez R.; Bellanova (dal 13' st Karamoh), Ricci, Ilic (dal 1' st Linetty), Vojvoda; Radonijc (dal 13' st Lazaro), Vlasic; Sanabria (dal 20' pt Pellegri)

PANCHINA: Gemello, Popa, Bayeye, Zima, Ilkhan, Tameze, Gineitis, N'Guessan

CT: Ivan Juric

CAMBI DI SISTEMA: dal 20' st 3-5-1-1

AMMONITI: Ilic per fallo, Juric per proteste, Milinkovic-Savic per fallo

ESPULSI: nessuno

 

Arbitraggio: principale Mariani

Note: 72.013 spettatori, incasso pari a 2.293.446 €, cielo stellato, terreno in buone condizioni; tiri 17-8, falli 13-16, calci d'angolo 2-1, offside 1-2, recupero 4' pt-7' st


MILANO

L'ANALISI Di Gianluca Scanu



Non sarà il Chelsea ad aver battuto il Torino, ma i granata devono comunque inchinarsi allo spettacolo che il Milan ha offerto stasera. La coppia ex Blue, Pulisic-Giroud, assieme a Theo Hernandez, guida i rossoneri verso i piani alti, verso la testa della classifica, trafiggendo un Toro durato solo mezz'ora e crollato dopo l'accidentale tocco di mano di Buongiorno. Se Schuurs aveva reso giocabile il San Siro rossonero, dopo il secondo gol di Pulisic che, da par suo, ripaga ancora le attese rossonere, i suoi compagni lo smentiscono seduta stante.

Contro quel Toro che lo eliminò in Coppa Italia, il Diavolo vince e convince, con un gioco frizzante e la grinta che permette di vincere i duelli, in ogni parte del campo, oltre che con due rigori frutto di un Torino nervoso e poco pericoloso sottoporta.

La Roma, che nel frattempo perdeva a Verona, è avvertita: il Milan è scatenato, ha trovato nella coppia ex-Chelsea un attacco valido per puntare al tricolore, e ora può asfaltare chiunque. Almeno il Torino, stasera, pare averlo capito.


Fisicità. Eppure i granata non hanno nemmeno iniziato male il match, proponendo un 3-4-2-1 costituito da equilibrio e possibilità di sfondare sulle fasce. E' bastato un quarto d'ora, al Milan, per trovare i punti deboli dei granata e smontarli: senza mai abbassare la guardia, senza mai abbassare il ritmo e l'intensità, i rossoneri hanno saputo sopperire alla serata no di Leao, trovando in Loftus-Cheek un'ottima chiave d'avviamento per le azioni rossonere. La prova? Al 33', quando su lancio di Tomori, Pulisic dialoga con lui e batte Milinkovic-Savic sul secondo palo.

L'unico momento in cui il Milan abbassa la guardia è al 36', quando per pura fortuna e un'intuizione di Schuurs incassa il pareggio dei granata.

Ma dura poco: se non consideriamo il rigore provocato da Buongiorno al 42', che vale il nuovo vantaggio rossonero, è il gioco di fisicità che consente al Milan di prevalere sugli avversari.

Per esempio, un Theo Hernandez scatenatissimo trova al 3' di recupero un Leao reinventato assist-man, e un gol da posizione difficile, quanto basta per beffare Milinkovic e chiudere il primo tempo in rassicurante vantaggio.

 

La moviola

Nel complesso, buona la direzione dell'arbitro Mariani, ma due episodi sono assolutamente dubbi, e sono quelli che hanno provocato i due rigori di Giroud.

Al 43', sul punteggio di 1-1, Alessandro Buongiorno intercetta un cross di Leao presumibilmente con la mano sinistra: Mariani va al VAR, richiamato dal collega, e assegna il calcio di rigore.
Una scelta che lascia dubbi, per due ragioni: il braccio non è attaccato al corpo, ma in naturale posizione per percepire il centravanti rossonero; la seconda, è che il pallone arriva in modo totalmente disatteso, dopo una spizzata di Leao, quindi il tocco sarebbe involontario.

Al 20' della ripresa, invece, è un contrasto Schuurs-Leao a causare il 4-1, ancora su rigore di Giroud: Mariani visiona ancora al monitor e dà il penalty decidendo che è stato l'ex Ajax ad atterrare il portoghese, quando invece è lo stesso attaccante rossonero a cadere, senza esser toccato dal difensore.

Inoltre, nella stessa azione, non visto un tocco su Vlasic nell'area di rigore rossonera, che avrebbe meritato almeno un controllo allo stesso VAR.
 

Nervosismo granata. La squadra di Juric prova di tutto per rimontare: dà qualità allo sterile reparto offensivo, facendo scaldare Karamoh e Lazaro, e passa al 3-5-1-1, con Pellegri che rileva Sanabria e si piazza davanti a Vlasic.

Tutto inutile. Il Milan continua a dominare, il Torino piomba in un nervosismo pesante, tipico di chi ormai sa già come va a finire. Se per poco Milinkovic-Savic non si fa espellere per un fallo su Loftus-Cheek nel tentativo di anticiparlo, al 19' Schuurs decide di partecipare alla festa rossonera, pestando tra qualche dubbio Leao e provocando il rigore del 4-0: Giroud non si fa pregare per segnare poker per i suoi e doppietta personale, che manda in delirio San Siro.

Il Milan ora è al sicuro, concede la standing ovation a Giroud e Leao, e si deve preoccupare solo di gestire il vantaggio: nè Rodriguez, nè Vlasic, dalla lunga distanza riescono a impensierire veramente i rossoneri, la precisione granata non c'è, la difesa guarda e fa qualche respinta, giusto per tenersi in allenamento durante i 7' di recupero, prima di rispedire a casa i granata e far capire l'aria che tira in casa Milan.

 

Supersintesi #rafficagol

32' VANTAGGIO MILAN, GOL PULISIC

Contropiede dell'americano, 1-2 con Loftus-Cheek, battuto il portiere granata sul secondo palo

36' PAREGGIO TORO, GOL SCHUURS

Respinta della difesa rossonera su Ricci, tocco per il tedesco che batte Maignan con un'acrobazia

43' 2-1 MILAN, GOL RIGORE GIROUD

Tocco di mano di Buongiorno, il francese dal dischetto non sbaglia

45+3' 3-1 MILAN, GOL THEO HERNANDEZ

1-2 tra il difensore e Leao, da posizione defilata il francese batte il portiere granata con uno scavetto

69' 4-1 MILAN, GOL RIGORE GIROUD

Pestone di Schuurs su Leao, dal dischetto azzecca ancora il francese
8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page