top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

MotoGP, clamoroso ad Aragon: vittoria italiana, ma non di Bagnaia, bensì di Bastianini



Beffa per Pecco: il pilota Gresini beffa il Ducatista, ora a soli 10 punti Quartararo (finito ko)


ARAGON


Ad Aragon, sì, assistiamo a un trionfo tricolore. Ma non è quello che la maggior parte degli appassionati si aspettava. Non è Bagnaia a trionfare, a sorpresa, in Spagna per attentare al primo posto occupato da Quartararo che, dal canto suo, finisce nel peggiore dei modi un weekend iniziato con la luna storta. No, il trionfo italiano porta faccia e firma di Enea Bastianini, alla sua quarta vittoria in questo motomondiale, conquistata in stile "5 maggio".

Tutto deciso all'ultimo, quando ci si aspettava la solita vittoria di Bagnaia dopo una gara praticamente dominata. E invece, alle ultime curve si compie il fatto, si compie il sorpasso di Enea, che sottolinea che lo sport è pulito e la vittoria non la si regala a nessuno.


Ricchi ribaltati

Pensiamo che i due demoni passati per favoriti nelle prove libere, Quartararo e Marquez, si autoeliminano con un incidente. Poco male, per il campione francese in carica, che vacillava tra la settima e l'ottava posizione, che dopo il ritiro avrà avuto tutto il tempo di recuperare la concentrazione per rimetterla alla prossima gara.

Peggio Marquez, che dopo il francese ha pure centrato Nagakami e sfasciato la gomma e l'abbassatore, per quello che si definisce "un weekend anonimo".


Il momento chiave. L'affondo di Bastianini ai danni di Pecco all'ultimo respiro (LaPresse)


Poema sportivo

A questo punto, favorito d'obbligo è Pecco Bagnaia: il piemontese, infatti, domina la gara fin dal semaforo verde, facendo pregustare la vittoria che accorcerebbe sempre più le distanze dalla vetta, occupata dal succitato francese.

E invece, all'ultima curva, ecco un inatteso episodio: Enea Bastianini trasforma la gara in un poema epico, superando e "tradendo" il connazionale con un affondo da manuale. Un successo che non fa una piega a Pecco, che continua la corsa alla vetta, ma che fa male per il fatto che Enea, vincendo, gli ha bruciato 5 punti (il gap tra il sabaudo e il francese è ora di 10 lunghezze, ma sarebbe stato proprio di 5 se non fosse stato per Enea).


La situazione

1. FABIO QUARTARARO: 211 punti (3 vittorie, 7 podi) 2. FRANCESCO BAGNAIA: 201 punti (6 vittorie, 7 podi) Se Bagnaia vince altre due gare e Quartararo non arriva al podio, è campione del mondo

Il resto della classifica

Tornando ai risultati di classifica, la terza piazza è di Aleix Espargarò, che batte nello "scontro diretto" Binder e Miller. In top 10 anche Martìn, Marini, Zarco, Rins e Bezzecchi; a punti quindi Oliveira, Alex Marquez, Vinales, Crutchlow e Pol Espargarò.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page