top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Nuovo giro, nuovo big match: la Torres di nuovo al Vanni Sanna per reagire, ma con la Juventus Next Gen sarà sfida ostica

TORRES, NUOVO BIG MATCH

I giovani bianconeri a Sassari sono a caccia dell’ottavo risultato utile consecutivo: la Torres prova a reagire al secondo match consecutivo al Vanni Sanna, ma Greco è duro e non farà esordire Rosi

📍SASSARI

L'ANALISI Di Gianluca Scanu



Avere due match consecutivi tra il pubblico amico, in questa Serie C, non è da tutti. La Torres non ha solo i due match in questione, di cui uno è andato, quello perso con la Sestri Levante divenuta outsider nel nuovo 2024, e uno è oggi, contro una Juventus Next Gen (indovinate un po'? Altra outsider di campionato nel nuovo anno solare!) nel suo miglior momento di stagione.

Morali opposti, basso per i rossoblù in evidente affanno fisico e di nervi (Idda e i vice ct docet) e alto per una Juve che, nonostante la promozione di Yildiz in prima squadra, hanno chi sa sfondare. E un assaggio la Torres lo ha già avuto in Coppa Italia lo scorso novembre.


Cedimento. I ragazzi di Greco però non arriveranno carichi e in forma come a inizio campionato, purtroppo è un dato di fatto. Come già detto e ridetto, la formazione è in un momento di buio a livello fisico, mostrando stanchezza evidente visto l'eccessivo impegno che Greco sta riservando ai titolari. A risentirne particolarmente sono due reparti: attacco e difesa. Se la parte arretrata soffre un calo di concentrazione, vedasi gli equivoci cui sono andati incontro Dametto e Antonelli a Rimini e Carrara, con concorso di colpa di Mastinu in casa con il Sestri Levante, la parte offensiva ha un pesante difetto: puntare troppo su Manuel Fischnaller. Vabbè, il bomber tirolese ha merito, dato che finora ha messo a segno 14 gol, ma Ruocco e Scotto non hanno saputo dare, in questo girone di ritorno, il giusto apporto.

 

Esploriamo

  • Sfida inedita per i rossoblù al Vanni Sanna, che non hanno mai ospitato i bianconeri in competizioni ufficiali: nelle due sfide del Moccagatta a ottobre i ragazzi di Alfonso Greco hanno ottenuto una vittoria in campionato e una sconfitta al secondo turno di Coppa Italia Serie C, entrambe per 1-0

  • Difesa da horror in questa prima parte del girone di ritorno: 11 gol subìti in 5 partite (2 con Recanatese, 3 con Rimini, 6 con Carrarese e 1 con Sestri Levante) a fronte di soli 6 segnati (3 con Recanatese, 1 con Olbia, 1 con Rimini, 1 con Carrarese): se il campionato fosse cominciato il 7 gennaio, la Torres sarebbe ultima con la peggior difesa del campionato

  • Juventus Next Gen in serie positiva dopo il ritrovo del gruppo e il raggiungimento della collettività dei gol: 7 partite da imbattuta, con 4 vittorie e 3 pareggi.

 

Greco decide. Dure le parole del ct Alfonso Greco, che sa rispondere con fermezza alle critiche di chi lo accusa di non fare rotazioni: "Io faccio quello che ritengo opportuno, ora i cambi e le rotazioni sono diventate una moda. Ripeto, faccio quello che credo più opportuno: se penso ci sia bisogno di cambiare cambio, se penso che non ci sia la necessità di farlo non lo faccio". Smorzati anche i sogni di vedere in campo Rosi: "Non è ancora pronto per giocare. Ha bisogno di un ricondizionamento fisico, come è normale che sia considerato che è fermo da luglio. Noi siamo consapevoli di questa situazione, lui si è messo ampiamente a disposizione e stiamo cercando di portarlo a una condizione fisica accettabile, senza rischiare infortuni chiaramente. Gli servono almeno due o tre settimane prima di essere a disposizione tra i convocati"

 

Così in campo

TORRES (4-3-3): Zaccagno; Antonelli, Dametto, Fabriani; Zecca, Mastinu, Giorico, Pelamatti; Ruocco; Diakite, Scotto.
JUVENTUS NEXT GEN (4-3-3): Loria; Dragusin, Riccio, Gozzi, Anzolin; Fagioli, Portanova, Tongya; Sekulov, Petrelli, Olivieri.


2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page