top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Spalletti, tra il rimprovero a Osimhen e l'obiettivo Champions elogio alla maturità, Lorieri approva

"Vittorie così nascono perché la partita inizia la sera prima nella testa dei giocatori", così la gioia di Spalletti. E Lorieri applaude Osimhen


LA SPEZIA

Di Gianluca Scanu



Una vittoria di valore, quella del Napoli di ieri mattina. La partita del rimpianto del 22 maggio scorso si trasforma in una tappa decisiva in chiave scudetto, grazie alla testa, alla fame, al cuore, alla maturità dei partenopei. E anche, però, grazie ad uno Spezia che più di così non poteva fare, con numerose assenze, quali quelle di Gotti, che pur avendo schierato la formazione tipo è dovuto restare a casa perchè postumo di un'operazione, e di un Nzola che, a quanto pare, è anima di questa squadra. Ma di fronte al Napoli non c'erano molte speranze, come sottolinea anche il vice-ct spezzino Lorieri. Quindi, diciamo, tutti contenti. O quasi.


I migliori rimproverati. Infatti, coloro che hanno segnato i 3 gol decisivi, ovvero Kvaratskhelia e Osimhen, non son stati risparmiati da un rimprovero: "Non siamo riusciti a creare tantissime occasioni nel primo tempo, nel secondo c’è stato quell’episodio che ci ha spianato la strada ma poi la squadra ha fatto quello che doveva fare. Noi abbiamo bisogno della loro qualità e fantasia quando le partite si appiattiscono. Loro fanno la differenza, aprono le strade. Osimhen poi è forte anche fisicamente, quindi se non si trovano altre soluzioni, come su un campo come questo, dobbiamo appoggiarci a luiLIl gol di testa? Mezzo jump da fermo con due piedi è una roba incredibile". Ma poi, un elogio al georgiano e al capocannoniere per l'intesa: "Noi andiamo più verso la coralità e l'altruismo, come quello evidenziato da Kvaratskhelia nel gol del 3-0 quando l'ha ceduta a Osimhen anziché tirare in porta".



Guarda anche

Osimhen, tra gol, abbracci ai tifosi e le voci di mercato che lo vogliono al PSG e allo United I tifosi fischiano e insultano Maradona, Osimhen li zittisce e si scusa con una tifosa colpita dal pallone. E i top club lo cercano: ma lui ha la testa sul campo (il link arriverà a breve)


Nessun limite per Spalletti. Come la Roma nel 2001, come Inter e Juve nei loro cicli d'oro, anche per il Napoli il discorso scudetto sembra archiviato. Prossimo obiettivo, quindi, è la Champions League, dove anche lì i partenopei si son fatti notare con impatto positivo: "Con che spirito? Ci sono dei momenti nella vita in cui si raggiungono risultati e bisogna riflettere: o ci si accontenta o si prova a raddoppiare. Noi non abbiamo dubbi, abbiamo deciso di raddoppiare e ci vogliamo giocare tutte le partite per i nostri tifosi".



La giornata napoletana in 3 foto. 1) Spalletti si appacifica con Osimhen e gli dà consigli per affrontare il match (LaPresse)

2) L'esultanza del 9 con Kvaratskhelia in occasione dell'1-0 (IPA)

3) L'urlo di gioia del 9 dopo il terzo gol (IPA)


Lorieri senza alibi. Dall'altra parte, il vice ct dello Spezia, Lorieri, è stato sportivo, facendo i complimenti ai suoi e a Osimhen per il Napoli, quasi paragonandolo a Maradona: "Il lavoro in settimana è stato fatto con mister Gotti, sapevamo che tipo di avversario andavamo ad affrontare. I ragazzi hanno affrontato la sfida nel miglior modo possibile, con coraggio. Il Napoli prima del gol non aveva creato occasioni particolari, ma quando vai sotto per un calcio di rigore a inizio secondo tempo diventa tutto più difficile. Siamo stati coraggiosi, abbiamo provate a fare male. Il Napoli? Ho avuto la fortuna di giocare nel periodo di Maradona. Osimhen con la maglia azzurra sta facendo cose straordinarie, ma Maradona era Maradona".

 

Le pagelle

Osimhen stratosferico, bene Reca in difesa Spezia, male Ampadu e Caldara

SPEZIA 5

Va bene, c'era la capolista Napoli quale avversaria, ma scansarsi così non è da squadra che vuole mantenere la Serie A

IL MIGLIORE

ARKADIUSZ RECA 6

Passi l'ingenuo tocco di mano che causa la frittata, ma se contiamo le prestazioni in generale della squadra, Dragowski compreso, lui salvando 3-4 palle gol è quello che ha evitato il tracollo. Il migliore per i suoi, insomma

BARTOLOMEJ DRAGOWSKI 5

Para quello che può, sì, ma commette anche due errori sanguinosi. Uno di questi costa il 3-0 alla sua squadra

DIMITRIS NIKOLAU 5

Assente in campo, e solito terrore delle big. Mai decisivo, così come mai incisivo

ETHAN AMPADU 5

Se non si facesse cogliere dal nervosismo che lo porta alla squalifica per un giallo (era diffidato, ndr) non è andato tanto male. A parte restare a guardare mentre la difesa forniva generosi assist ai partenopei per i loro gol

MATTIA CALDARA 4,5

L'unica cosa che puoi dire su lui? Paragoni. Con Gresko, per il regalo sul gol del 3-0 di testa, con Felipe Melo, per il fallaccio da nervosismo che gli costa la squalifica (era diffidato, ndr). Del giocatore di Milan, Juventus e Atalanta non c'è traccia (dal 31' st Krollis sv)

SEBASTIAN AGUDELO 5

Una sola azione degna di nota, da parte sua: un tentativo dal limite al 4', finito in America. Per il resto si fa atterrare dai falli partenopei, nulla di più

SALVATORE ESPOSITO 5,5

L'acerbità si nota. Un fantasma in campo, incapace di contribuire alla causa, qualche tocco al pallone accompagnato da ansia da prestazione (dal 41' st Wisniewski sv)

MEHDI BOURABIA 5,5

Ci prova, ad arginare una delle mediane più forti d'Europa, senza successo. E va in tilt ogni volta che deve affrontare Lobotka e Anguissa

KELVIN AMIAN 5,5

L'unica giustificazione? Il fatto che fosse in un ruolo che non gli compete. Benino, ma non bene, però. Qualcosa in più poteva farla

ELDOR SHOMURODOV 4,5

Passi che aveva il difficilissimo compito di sostituire Nzola, e che come acquisto doveva essere il colpo di mercato dopo i buoni trascorsi a Genova e Roma. Ma non lo è: 90' di nulla cosmico, 0 tiri, 0 spaventi procurati agli avversari, di lui nessuna traccia (dal 31' st Maldini 5,5)

DANIELE VERDE 6

Prova a dare qualità all'attacco, crea qualche occasione nel finale, senza successo (dal 31' st Cipot 6)

Ct: FABRIZIO LORIERI 5,5

Il compito di sostituire Gotti a casa gli è riuscito anche bene, nulla da dire. Se non che perde il controllo della squadra in un momento cruciale del match

NAPOLI 7,5

La strategia è quella di risparmiare le forze nel primo tempo e utilizzarle tutte in ripresa? Ottima, non c'è che dire, ma oltre che la strategia ha vinto l'orgoglio del gruppo, ancora una volta

IL MIGLIORE

VICTOR OSIMHEN 8

Voglia di gol, grinta, precisione, capacità di approfittare delle occasioni. C'è tutto, insomma, con Kvaratskhelia è lui il trascinatore della macchina partenopea

ALEX MERET 7

Insomma, non ha dovuto fare molto, se non il "talismano" per la porta azzurra durante le poche occasioni spezzine

MARIO RUI 7

Inizia bene, fa il suo, ma alla lunga cala. Non si fa notare più di tanto, ma la sua buona partita la fa, soprattutto in ripresa (29' st Olivera sv)

AMIR RRAHMANI 6,5

Quando c'è lui al centro, gli avversari lo sanno: lo spazio si chiude. Insomma, una sicurezza per Spalletti

GIOVANNI DI LORENZO 7

L'intenzione c'è, di creare pericoli, e lui lo dimostra. Se avesse segnato, poi, sarebbe stata la consacrazione

PIOTR ZIELINSKI 6,5

Un anello debole, se dobbiamo trovarlo, è lui: lascia spesso troppi buchi, troppo intento a inseguire il pallone per ripartire in contropiede com'è abituato, più che a difendere la zona. Più un giallo per aver atterrato Agudelo. Giusta la sostituzione al 17' del secondo tempo con Elmas (6,5)

STANISLAV LOBOTKA 6,5

Compitino, qualche tocco al pallone, ma per il resto ben poco influente nel match

ANDRE' ZAMBO ANGUISSA 7

Non guarda in faccia nessuno: dribbling, tecnica, capacità di puntare gli avversari. Insomma, il centrocampista-attaccante dei sogni di tutti

KVICHA KVARATSKHELIA 8

Prestazione super? E' dire poco. La ricerca del gol dà i suoi frutti su rigore, peraltro aprendo le danze, ma è anche l'intesa con Osimhen che conta. Attaccante completo e altruista, insomma, un esempio (dal 37' st Simeone G. sv)

IRVING LOZANO 7

Probabilmente chiuso dai suoi due compagni in attacco, qualcosa però la crea, specie nel finale. Non protagonista, ma buona partita (dal 1' st Politano 6,5)

Ct: LUCIANO SPALLETTI 8

Azzecca la formazione, guida la squadra come solo lui sa fare, e soprattutto carica Kvara e Osimhen come neanche Mou. Chapeau a questo signor allenatore

ARBITRAGGIO

MARCO DI BELLO 6

Gli peserà, in un match perfetto, il mancato stop ai cori razzisti dei tifosi spezzini. Per il resto, buona gestione

PRETI 6

DI IORIO 6

MARCHETTI 6,5

AURELIANO 6

PAGANESSI 6,5


5 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page