top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Torres, sei da applausi! A Cesena 1-1, tanta lotta, al brivido di Shpendi risponde Big Fisch!

IL MATCH POINT

Davanti a 12.607 spettatori (600 ospiti) i giganti di Greco non deludono affatto, anzi, mettono alle corde i romagnoli: nel primo tempo gol annullato a Berti e tante occasioni fallite dai rossoblù, in ripresa Shpendi segna dopo 3', gli risponde prontamente Fischnaller. Nel finale annullato un altro gol ai romagnoli, la situazione non muta




CESENA 1

SASSARI TORRES 1

Primo tempo: 0-0

Gol: 3' st Shpendi (CES), 5' st Fischnaller (SST)

 

CESENA (3-4-1-2): Pisseri; Silvestri, Prestia, Pieraccini; Donnarumma, De Rose, Francesconi (dal 26' st Varone), Pierozzi; Berti (dal 23' st Hrajech); Kargbo (dal 22' st Corazza), Shpendi

PANCHINA: Adamo, Bagli A., Bagli G., Chiarello, Ciofi, Coccolo, Nannelli, Ogunseye, Piacentini, Pitti, Siano

CT: Domenico Toscano

AMMONITI: Kargbo per proteste

ESPULSI: nessuno

CAMBI DI SISTEMA: dal 30' st 3-5-1-1

 

TORRES (3-4-1-2): Zaccagno; Dametto, Antonelli, Idda; Liviero, Giorico (dal 31' st Cester), Mastinu, Zecca; Ruocco (dal 43' st Menabò); Fischnaller, Scotto (dal 36' st Masala)

PANCHINA: Diakite, Fabriani, Garau, Goglino, Kujabi, Lora, Mandrelli, Nunziatini, Pelamatti, Petriccione, Pinna R., Sanat, Siniega

CT: Alfonso Greco

AMMONITI: Idda per fallo, Mastinu per fallo, Cester per fallo

ESPULSI: nessuno

CAMBI DI SISTEMA: nessuno

 
Arbitraggio: principale Perri, assistenti Marchetti-Spina, IV Uomo Mastrodomenico

Note: spettatori 12.607 (600 ospiti), incasso pari a 109.744,07€; cielo soleggiato, terreno in buone condizioni; tiri 6-3, falli 14-17, fuorigioco 9-1, corner 4-1, recupero 2' pt-4' st


📍CESENA

L'ANALISI Di Gianluca Scanu



Un amore così grande, per la Torres, non si è mai visto, e un motivo c'è. Vedere la sfida col Cesena, tanto attesa, non ha prezzo, nemmeno quello del biglietto. E infatti i 12.607 spettatori lo hanno capito, potendo assistere a un calcio spettacolo di Serie C dove succede di tutto. La squadra di casa, favorita, nei primi minuti è in tilt di fronte a una Torres che gioca a memoria, come sa fare, come ha imparato da inizio campionato. Poi una raffica di gol, su cui 4 son validi 2, uno per parte, che determinano il punteggio definitivo della sfida. Un punteggio giusto, che fa vincere il calcio, il gioco, le emozioni, la tecnica e la grinta di non mollare mai. Per la situazione di classifica... poco e nulla importa, un eventuale verdetto è rinviato.


Coraggio. Per le tanto attese duellanti 3-4-1-2: Toscano conferma i titolari difensivi Silvestri, Prestia e Pieraccini, le ali Daniele Donnarumma e De Rose sono supportate dai due centrali Pierozzi e Francesconi, mentre Kargbo svolge il ruolo di rifinitore per le punte Berti e Shpendi. Greco invece ritrova Giorico e non se ne fa una ragione se manca Diakite. Con Dametto e Antonelli gioca Idda, a centrocampo ali Zecca (un ex) e Liviero, coi fari Mastinu e Giorico, Ruocco invece è sempre innesto per Fischnaller e capitan Scotto.

Ed è proprio il trio d'attacco a brillare nei primi 10' minuti: Fisch ha un'occasione al 3', ma non riesce a metterci precisione, pallone fuori, mentre all'8' Zecca vorrebbe impensierire i suoi ex compagni, ma dopo aver vinto un duello con Pieraccini spara troppo alto il pallone che sarebbe valso il gol dell'ex.

I GOLEADOR. Christian Shpendi, 20 anni, e Manuel Fischnaller, 25, autori dei due gol che hanno deciso la sfida


Shpendi scatenato. I romagnoli padroni di casa, di contro, si reggono sulle giocate del loro bomber classe 2003, che al 16' emula Haaland con uno scatto e tentativo di penetrazione. Ma come il suo ispiratore del City in finale di Champions, che fu fermato più volte da Acerbi, Christian viene più volte respinto da Antonelli, ancora una volta decisivo nel chiudere bene l'area. Dal successivo corner Prestia inzucca, ma Zaccagno è ancora superlativo.

Dopodiché, il primo tempo vive di equilibrio: la Torres gioca frizzante, come sempre, ma il Cesena sa intuire e riparte in contropiede. E così, prima del finale, l'unica azione degna di nota è l'ammonizione che Mastinu riceve per una spinta pesante su Francesconi.

Nessun cambio, nella ripresa, e Shpendi si scatena ancora: al 3' uno slalom rapido di Kargbo lo mette davanti alla porta, sta quindi a lui mettere dentro l'incrocio che vale il vantaggio.


Big Fisch azzecca ancora. Se il popolo rossoblù, però, vuole rassegnarsi... c'è chi gli nega questo piacere: 5', Ruocco effettua un traversone da sinistra per l'ex Zecca, il quale non segna, ma ai suoi vecchi compagni fa lo sgarbo dell'assist-man, mettendo un pallone d'oro per Fischnaller che, a Pisseri stordito, non si fa pregare per buttare dentro il gol del pareggio.

La partita si riaccende, e il Cesena prova ora la reazione per far capire che i rossoblù non gli stiano mettendo pressione. Se Karbo prostesta in maniera eccessiva, beccandosi giallo, Prestia al 13' si porta sul fondo e crossa per Donnarumma che, di fronte, schiaccia e manda di poco fuori dal primo palo.

La giostra di occasioni continua: Zecca al 26' ha un'altra occasione di rivalsa, di testa, ma Pisseri allontana di palmo, invece Zac compie ben 3 miracoli, di cui due al 36', su botte di Corazza e Shpendi. Sul terzo corner, però, para in ritardo sulla zuccata di Donnarumma, ma il sollievo è dietro l'angolo: Daniele atterra il neoentrato Masala, niente vantaggio. Il Cesena prova ancora qualche tiro alla mezz'ora, ma gli interventi difensivi di Antonelli e Zac gli fanno capire che è arrivato il momento di arrendersi. Infatti, nel recupero non vi sono occasioni: finisce 1-1, vincono il calcio e le emozioni, la classifica si smuoverà la prossima volta (forse).

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page