top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Torres, stop amaro ad Ancona: i rossoblù giocano bene fino alle sostituzioni di Greco, l'Ancona pareggia col solito Saco e sogna la salvezza diretta

#SERIEC ANCONA-TORRES

Settebello sfumato al Del Conero per i sassaresi: dopo un primo tempo equilibrato i sassaresi passano avanti con Dametto, MVP del match, un fallo da ammonizione di Giorico propizia il gol del pareggio dorico, arrivato su punizione. Nel finale lo stopper salva sulla linea un gol che sarebbe stato una beffa per i rossoblù, la corsa al Cesena potrebbe essere finita definitivamente




ANCONA 1

SASSARI TORRES 1

Primo tempo: 0-0

Gol: 6' st Dametto (SST), 23' st Saco (ANC)

 

ANCONA (3-5-2): Perucchini, Cella, Pasini, Mondonico, Clemente (dal 45’+1 st Barnaba), Saco, Prezioso (dal 34′ st Basso), Cioffi (dal 34′ st Gatto), Martina, Giampaolo (dal 26′ st Energe), Spagnoli.

PANCHINA: Vitali L., Agyemang G., D’Eramo M., Moretti F., Pierandrei R., Radicchio V. M., Vogiatzis V.

CT: Novello

 

TORRES (3-4-1-2): Zaccagno (Portiere), Idda (dal 35′ st Siniega), Antonelli, Dametto, Zecca, Mastinu (dal 23′ st Cester), Giorico (dal 36′ st Masala), Zambataro, Ruocco (dal 23′ st Diakite), Scotto, Fischnaller.

PANCHINA: Garau P., Petriccione D., Goglino P. A., Lora F., Nunziatini F., Pinna R., Rosi A., Verduci G.

CT: Greco

 

ANCONA

L'ANALISI Di Piergiuseppe Fiori


Da stagione a stagione spesso i ruoli delle duellanti s'invertono, seppur il risultato sul campo non cambi: Ancona-Torres, come l'anno scorso nel girone di ritorno, è finita 1-1, ma se l'anno scorso l'Ancona era in piena lotta playoff e la Torres in cerca disperatissima di punti salvezza (con Greco peraltro ritornato alla guida dopo l'interregno infernale di Sottili), ieri i rossoblù cercavano il settimo successo consecutivo per tenere viva la fiamma di un sogno primo posto sul quale ormai nessuno più crede, nemmeno il più ottimista dei rossoblù, con i dorici che invece, stante i risultati di Vis Pesaro e Sestri Levante, dovevano cercare di tirarsi fuori da quella zona playout non contemplata alla vigilia del campionato. Il risultato è stato lo stesso dell'anno scorso al Vanni Sanna, ovvero 1-1, ma il gol che Saco ha segnato dall'ingenuo piazzato propiziato da Giorico vale come una vittoria per i dorici, che conquistano un punto in chiave salvezza, anche se ancora non sono usciti dalla zona playout, complice la vittoria dei corsari liguri a Fermo.


Rimpianti rossoblù. Per la Torres il pareggio è invece da considerarsi alla stregua di una sconfitta, in quanto non solo con tale risultato si arresta definitivamente la corsa alla vetta, ma anche perché i ragazzi di Greco sono stati più propositivi in attacco, mancando il colpo decisivo causa la sfortuna di Fischnaller sottoporta e un Perucchini in giornata di grazia, pagando dazio per i classici errori di distrazione in difesa che, se non fosse per l'ottimo match di Dametto e l'imprecisione iniziale in attacco dei dorici, sarebbero costati addirittura la sconfitta. Un pareggio che fa ancora più male, se si pensa che la Torres (esclusi ancora i lungodegenti Fabriani, Sanat e Kujabi, il cui rientro è previsto dopo Pasqua, ndr) aveva tutti gli uomini a sua disposizione, compreso il ct, differentemente dai dorici che si presentavano dinanzi ai rossoblù con Novello che rileva ancora una volta lo squalificato Colavitto. Se si pensa che a partire meglio è la Torres, con molto possesso palla e un gioco votato all'attacco, grazie a Zambataro che svolge ancora ruolo di assist-man dalla fascia sinistra: al 13' l'ex Lecco serve un ottimo pallone a Ruocco, il quale però dal limite non ha il coraggio di concludere.


Difensori buoni. Merito, all'Ancona, va dato per l'ottima e solida difesa, con Perucchini che due volte è attento sulle botte da lontano di Scotto, al 6' su punizione e al 17', ma soprattutto al 23', minuto in cui succede di tutto: Zamba crossa ancora da sinistra, Fischnaller si butta in scivolata sottoporta ma di testa riesce solo a lisciare il pallone; Mastinu recupera e colpisce di controbalzo, Perucchini respinge coi polpastrelli, l'ex Lecco riprende la respinta ma di pochissimo non inquadra la porta.

Tanta difesa da parte dell'Ancona, ma anche poco attacco, tanto che l'unica occasione del primo tempo i ragazzi di Novello la creano al 27': verticalizzazione di Clemente, Giampaolo fugge e si presenta davanti a Zaccagno, perdendo troppo tempo e facendosi recuperare in scivolata da Dametto. Già, quel Dametto che, a sorpresa va in gol al 6': Idda imbuca Ruocco, il quale si procura corner, da esso Giorico crossa di destro per il difensore con la 5 sulle spalle, il quale stacca di fronte e scavalca Perucchini, il quale può solamente intuire.


Errori. I rimpianti rossoblù sono da ricercarsi sui diversi errori che commettono una volta trovato il vantaggio. Il primo in attacco, al 17', quando Zamba serve Ruocco in area a destra, Perucchini stavolta respinge il tiro del 10 campano, sul traversone Fischnaller ci prova ancora di testa, ma ancora una volta riesce solo a sfiorare il pallone. L'Ancona riparte allora in contropiede, tattica adottata dall'inizio del campionato, con Prezioso che scatta talmente forte verso l'area che Giorico deve ricorrere a un fallo tattico (che gli costa pure l'ammonizione) per fermarlo. Le due squadre vanno di cambi: l'Ancona passa al 3-4-3, inserendo Energe punta destra in attacco e rinforzando la linea difensiva col sinistro Barnaba; Greco di contro rimuove i buoni ma stanchi Mastinu e Ruocco per Diakite e Cester. Neanche il tempo del cambio che dal piazzato precedentemente procuratosi l'Ancona pareggia: Prezioso a giro, torre di Mondonico per Saco, alto quasi 2 metri, che sfrutta la sua altezza e, su distrazione dei difensori rossoblù, stacca per il gol del pareggio, zittendo chi, evidentemente, lo fischiava.

La Torres, vuoi per il gol subìto vuoi per la poca incisività messa dai neoentrati (soprattutto Diakite), si arrocca in difesa e lascia campo ai dorici, rischiando pure il 2-0 al 39', quando Spagnoli fugge a sinistra e mette in mezzo per Energe, il quale supera Zaccagno uscito anzitempo, ma (guarda caso) Dametto salva ancora sulla linea. Anche i rossoblù però reagiscono, e potrebbero trovare il 2-1 al 42', ma i colpi di testa non funzionano, e Scotto (evidentemente non capendolo) schiaccia mancando la rete di pochi centimetri, sancendo il definitivo pareggio.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page