top of page
  • Immagine del redattoreGIANLUCA SCANU

Il Cagliari conosce una sola parola: rimontare! A Udine 2-1 in sorpasso, ai quarti c'è il Milan

COPPA ITALIA

Ribaltone dei sardi al Dacia Arena: fino al 35' della ripresa il Cagliari è nel baratro, con l'uscita di Di Pardo per infortunio e il gol di Guessand; Viola su punizione riaccende i sardi, che passano alla fine con una mina di Lapadula e si regalano il Milan






UDINESE 1

CAGLIARI 2

1T: 0-0
Tempi regolamentari: 1-1
1ET: 1-1
Gol: 18' st Guessand (UDI), 35' st Viola (CAG), 15' s.et Lapadula (CAG)
 

UDINESE (3-5-2): Okoye; Ferreira, Tikvic, Guessand (dal 5' p.et Nwachuckwu); Aké, Zarraga, Camara (dal 44' st Pejicic), Lovric (dal 21' st Quina), Kamara (dal 21' st Zemura); Thauvin (dal 21' st Pafundi), Lucca (dal 44' st Diawara).

PANCHINA: Silvestri, Padelli, Masina, Samardzic, Festy.

CT: Cioffi.

AMMONITI: Guessand per fallo, Quina per fallo, Ferreira per fallo

ESPULSI: nessuno

CAMBI DI SISTEMA: dal 9' p.et 4-2-3-1

 

CAGLIARI (4-3-1-2): Radunovic; Di Pardo (dal 17' pt Zappa), Wieteska, Hatzidiakos, Azzi (dal 30' st Lapadula); Sulemana (dal 15' p.et Deiola), Makombou, Jankto (dal 1' st Obert); Oristanio (dal 30' st Viola); Shomurodov (dal 30' st Pereiro), Petagna.

PANCHINA: Aresti, Scuffet, Goldaniga, Dossena, Prati, Augello, Desogus.

CT: Ranieri

AMMONITI: Pereiro per fallo

ESPULSI: nessuno

CAMBI DI SISTEMA: dal 15' st 4-3-3

 

Note: arbitro Cosso, cielo nuvoloso, terreno in buone condizioni; tiri 8-26, falli 11-13, calci d'angolo 2-15, fuorigioco 3-2, recupero 6' pt, 5' st, 3' p.et, 3' s.et


📍UDINE

L'ANALISI Di Gianluca Scanu


La mossa del Cagliari la conosciamo, ormai. Si chiama rimonta, e dopo l'esperimento con il Frosinone, quando ormai tutti si aspettavano di rassegnarsi al baratro più totale, la squadra di Ranieri attua questa mossa pure nel match di Udine, con risultato finale sorridente.

Con due eurogol, Viola e Lapadula ribaltano un'Udinese che, dopo la schiacciata imperiosa di Guessand, difensore, si era illuso a sua volta di porre la pietra tombale a una crisi che la attanaglia da inizio anno.

Son due gol di rimpianto, vero, perché se quest'intesa e questi bellissimi gol sarebbero stati presenti in più match nelle precedenti giornate di campionato ora il Cagliari potrebbe respirare un po'.

Ma la stagione è lunga, e c'è il tempo di riconfermarsi: sia in campionato, con Genoa e Juventus che sono alle porte, sia in Coppa Italia, dove li aspetta un Milan in chiaroscuro agli ottavi.


Orgoglio Oristanio. Ranieri, sapendo delle potenzialità della squadra viste domenica scorsa, lascia in panchina inizialmente alcuni artefici della vittoria con il Frosinone, e schiera davanti a Cioffi un 4-4-2 mascherato: nelle sue intenzioni, infatti, lo schema è un 4-3-1-2, ove trovano spazio in difesa Di Pardo, già purgatore del Palermo al primo turno, Hatzidiakos e Wieteska con Azzi; a centrocampo confermato Oristanio con Makombou e l'ex Sulemana, mentre l'attacco vede un altro ex quale Jankto dietro Shomurodov e Petagna,

Cioffi, dal canto suo, non cambia di un nulla la formazione rispetto a Monza, e risponde a Ranieri con un 3-5-2 dove spicca, accanto a Thauvin, un Lucca caccia-paure all'U-Power.

Chi pensa che le cose, però, si mettano male per Ranieri al 17', quando Di Pardo deve uscire anzitempo per un dolore alla coscia destra, si sbaglia di grosso. Il primo tempo è un monologo sardo, con i friulani in seria difficoltò, grazie a un Oristanio che al 12' e al 19' va vicinissimo al gol con due contropiedi fulminei a tiri tanto precisi, quanto sfortunati.

L'unica occasione Udinese è al 23', quando Kamara spaventa Radunovic con un sinistro fuori di poco. Che vuoi che sia, quando c'è Oristanio la reazione è servita.

 

▶️Vedi anche

LA MOVIOLA

LE PAGELLE

Ranieri: "Felice del risultato, c'è da migliorare"

Lapadula: "Il Cagliari sta tornando"

 

Pazzia. Il calcio, però, è materia di difficile analisi, e dal 29' lo dimostra: se alla mezz'ora Oristanio e Shomurodov impegnano ancora Okoye, coi sardi in pieno possesso palla, a inizio ripresa qualche scelta di Ranieri (fuori Jankto per Obert) pare non esser ripagata.

Infatti, manco il tempo di tornare dagli spogliatoi che l'Udinese trova l'1-0 con una grande incursione di Lucca. Sardi gelati (peraltro nel freddo friulano), ma non per molto, dato che si alza la bandierina. Poco male, dato che l'Udinese riprende il controllo e mette in difficoltà i rossoblù. Prima (5') Lucca di testa prova la reazione, trovando su punizione di Thauvin solo la traversa, poi Guessand, ancora su cross del connazionale e ancora di testa, sigla il vantaggio.

Mentre il Friuli festeggia, Cioffi rinforza i suoi con l'ingresso di Kamara e Pafundi, Ranieri si ripara con gli ingressi di Viola, Pereiro e Lapadula. Vince la mossa di Ranieri: su fallo pesantissimo di Guessand, il ragazzo di casa rossoblù spiazza Okoye spedendo il pallone all'angolino per l'1-1.


I cambi funzionano. Per Ranieri, certo. Uno di questi è il succitato Viola, il secondo sarà Lapadula, che dà qualità all'attacco, stante un deludente Shomurodov e un Petagna che risparmia sulle conclusioni. Nell'Udinese dentro Nwachuckwu, Diawara e Pejicic, ma è tutto inutile. Il Cagliari riprende il dominio, e ha altre due occasioni nei supplementari, prima con l'ex campione d'Italia partenopeo, poi con l'italo-peruviano, entrambe alte. L'unica occasione Udinese la crea Pafundi al 105', finita altissima. E' l'ultimo treno: a 1' dal finale Petagna decide di guadagnarsi la sufficienza con uno strappo e taglio per Lapadula, il quale in rabona spiazza Okoye e proietta i suoi ai quarti contro il Milan, il che è una sorpresa visto il pessimo inizio, e sarà il tempo a dirci se è o non è un lampo nel buio.

 

PRIMO TEMPO

6' SHOMURODOV SI PERDE

Lancio per l'uzbeko che non riesce a proteggere il pallone, fondo

17' NECESSARIA SOSTITUZIONE

Di Pardo si scontra con Kamara, rimanendo dolorante alla coscia destra: sostituzione obbligatoria con Zappa

23' LA SERATA DI ORISTANIO

Mischia in area, poi il classe 2002 calcia in porta, Okoye respinge. Petagna si lamenta, in quanto chiedeva l'assist

29' DOMINIO CAGLIARI

Tacco di Petagna per Shomurodov, destro al volo, para Okoye, Oristanio sul tap-in tocca per Petagna, che tocca per l'uzbeko, liscio e azione sfumata

31' SEMPRE ORISTANIO

Destro dell'attaccante rossoblù da pochi passi, Okoye si rifugia in corner

SECONDO TEMPO

5' L'UDINESE CREA BRIVIDO!

Spinta di Zappa su Lovric, da punizione Thauvin crossa per Lucca, che di testa trova solo la traversa

17' UDINESE IN VANTAGGIO, GOL GUESSAND

Cross di Thauvin, schiacciata del connazionale Guessand, bianconeri in vantaggio

30' SFORTUNA CAGLIARI

Serie di finte di Petagna, destro da pochi passi, ci mette la mano Okoye

30' AMMONIZIONE CAGLIARI

Pereiro ammonito per gomitata su Pafundi

35' PAREGGIO CAGLIARI, GOL VIOLA

Guessand atterra Petagna, dalla punizione Viola spiazza all'angolino Okoye

SUPPELEMENTARI

5' PETAGNA DIVORA IL 2-1

Botta del campione d'Italia, pallone alto

9' ANCORA SFORTUNA

Corner di Sulemana, Lapadula di testa manda alto

15' UN LAMPO UDINESE

Diawara scodella un buon pallone per Pafundi, tiro al volo, pallone alto

17' AMMONIZIONE UDINESE

Joao Ferreira rischia il rosso per intervento pesantissimo su Lapadula

19' SORPASSO CAGLIARI, GOL LAPADULA

Scatto di Petagna sulla fascia destra, taglio per Lapadula in area che, di rabona destra, spiazza Okoye

20' PER POCO NON E' 3-1

Botte in area di Deiola e Lapadula, salva tutto Okoye

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page